[ Fotocamere digitali: guida all'acquisto ] [ Regolamento | Registrazione ]
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Boot da controller PCI su scheda madre ASROCK e altre

Last Update: 10/21/2012 8:42 AM
OFFLINE
Post: 3,531
Maestro
Poniamo il caso che abbiate comprato un controller SATA o PATA o SCSI da mettere su slot PCI;
e poniamo anche il caso che la vostra scheda madre non abbia l’opzione per fare il boot da SCSI, e che non vi rilevi in automatico il bios (o cmq la presenza) del controller PCI all’avvio, in modo, appunto, da potere selezionare di partire dalle periferiche collegate al controller per installarci il SO.
Che si fa se succede ciò, come nel caso della mia ASROCK K7S8X, di altre ASROCK, e di altre schede madri comprese alcune di quelle che dovrebbero bootare?
Si potrebbe lasciar perdere e limitarsi ad usare gli hard-disk collegati al controller come deposito\riserva di dati e continuare ad usare il SO del vecchio hard-disk.
Certamente, tuttavia ciò è comunque limitativo delle opzioni che si dovrebbero avere di default,
visto e considerato che partire dal controller PCI non è da considerarsi un opzione peculiare, ma dovrebbe essere una possibilità già presente in tutte le schede madri prodotte dal 1998 in poi.

Quindi bisogna modificare il bios della scheda madre, inserendoci il bios del controller PCI acquistato,
per poi aggiornare il bios della scheda madre con quello modificato.

Tutto estremamente semplice, tranne un dettaglio:
AGGIORNARE IL BIOS è UN OPERAZIONE CHE PRESENTA UN MINIMO RISCHIO DI RENDERE LA VOSTRA SCHEDA MADRE INSERVIBILE,
MODIFICARLO è UN RISCHIO DECISAMENTE MAGGIORE, QUINDI, SE NON SAPETE COSA STATE FACENDO O AVETE IL TIMORE DI PERDERE LA VOSTRA SCHEDA MADRE NON FATE NIENTE,
QUESTA GUIDA è SOLO PER CHI NON HA PROBLEMI SE LA PROPRIA SCHEDA MADRE DOVESSE ANDARE ALLA SPAZZATURA, NEL CASO, NON PRENDETEVELA CON ME.

Nel mio caso, il controller acquistato è un Hamlet con chipset via VT6421 (2 sata e 1 pata, raid) , messo su ASRock K7S8X rev3, x cui ho seguito questa guida già pronta in inglese di qualche altro poveretto che si è cimentato in tali esperimenti.

Ad ogni modo le informazioni che riporto sono valide anche per altri tipi di controller, a patto di trovare (se c’è) e scaricare il giusto file del bios del controller che avete, da inserire nel bios della scheda madre,
per esempio, nell’ipotesi che abbiate comprato un controller della eminent come questo:
per sapere che chipset ha si vede da windows facendo partire Everest in “periferiche PCI” dovrebbe comparire il controller coi vari dettagli,
tuttavia, anche solo guardando nel file inf dei driver si intuisce che usa il si3112, per cui bisogna andare nel sito della silicon image x vedere se hanno rilasciato un qualche bios del chipset relativo, inserendo nel campo di ricerca del sito della silicon “si3112” otteniamo come risultato questa pagina,
si vede subito che nel secondo file del 12\3\2007, BIO-003112-xxx-4284.zip, (03\12\2007 poichè gli americani invertono il giorno ed il mese nella data) vi sono 3 bios,
di cui quello che ci interessa è quello più piccolo dei tre cioè, il file 4284.bin,
come spiegato nella descrizione in inglese, “The ####.bin is an abbreviated BIOS intended for integration into system BIOS”, il ####.bin è un BIOS abbreviato rilasciato per integrarlo nel bios della scheda madre;
mentre, giusto per chiarezza, i file r####.bin e b####.bin servono per aggiornare direttamente il bios del controller (non necessario se non avete problemi), ed in questa guida ciò non ci interessa.
Comunque, avendo io un altro controller, non ho provato e non ho modo di sapere se funziona,
ed in ogni caso, chi ha questo controller della eminent, prima si accerti, installandolo in windows, che abbia proprio il si3112, e, se diverso, cerchi il bios appropriato del controller.

Prima di eseguira la modifica, se avete altri tipi di schede madri che non vogliono bootare, vi consiglio di averla aggiornata con l’ultimo bios, e di aver provato ad inserire fisicamente il controller PCI acquistato nel primo slot PCI della vostra scheda madre (si conta a partire da quello + vicino allo slot della scheda video x poi scendere) o anche nel secondo slot senza avere niente inserito nel primo slot PCI, in modo da essere sicuri che la vostra scheda madre non voglia bootare dal controller.

Vi serve:
-l’ultimo bios ufficiale della vostra scheda madre
(nel mio caso 2.6 del 20\10\2004 ) col relativo programma per aggiornarlo sulla scheda madre;
-il programma per modificare il bios,
cioè AMIBCP v. 7 nel caso di bios AMI, o Cbrom nel caso la vostra scheda madre abbia un bios Award (nel mio caso serve AMIBCP versione 7, dovreste trovarlo in rete, se no ho uppato quello che ho usato io (click col destro sul collegamento e scegliete salva oggetto con nome) ;
-il bios del controller PCI,
nel mio caso, per controller con chipset VT6410\VT6420\VT6421 potete scaricare dal sito viaarena il file VIA_RAID_V410a.zip (cercate nella sezione driver per DOS) , dentro ci troverete i file rom relativi dei chipset VT6410\VT6420\VT6421 ( qui ho messo una versione ridotta dell'archivio coi soli file rom;
-floppy drive e disketto d’avvio dove metterci i file necessari, se non avete il floppy drive potete usare un cd con floppy d’avvio inserito come immagine, più partizione visibile (fat32) dall’immagine del floppy che parte dal cdrom;
-Windows 98: AMIBCP v. 7 non sembrava andare su XP e poiché avevo win 98 sulla VMware ho fatto tutto da li, oppure dovete fare tutto avviando dal floppy di ripristino (o dal floppy che usate come disco d’avvio) per poi inserire l’altro floppy dove avrete messo i file relativi per la modifica.


Per semplicità rinominate il file del bios della scheda madre da K7S8X_2.60 (il nome cambia se avete una scheda madre diversa dalla mia) in mamma.bin ;
poi rinominate il file del bios del controller da 6421V431.rom (questo è il file x il controller che ho io, naturalmente cambia a seconda del controller che avete) in sata.rom;
mettete i 2 file in una cartella con l’eseguibile di AMIBCP v. 7, oppure, su un floppy disk se dovete fare tutto da floppy;
fate partire AMIBCP v. 7, vi si dovrebbe aprire immediatamente la finestra in cui specificare il nome del file del bios della mobo da caricare:




scrivete mamma.bin e date invio,
poi con la freccia giù spostate il cursore su “Edit BIOS Modules” e date invio,




pigiate il tasto insert (quello sopra il canc, oppure lo zero del tastierino numerico disattivato) ,
immettete il nome sata.rom e date invio,






nella finestra che vi si apre spostatevi su compressed e cambiate col tasto pageup il valore in yes






a questo punto salvate pigiando F10, alla richiesta di conferma che vi appare date invio,



poi pigiate esc per tornare alla schermate principale,
da qui salvate il nuovo bios con F10, dandogli il nome che volete (meglio se entro le 8 lettere, esclusa l’estensione) ad es. cambiate da mamma.bin in biosmod.bin e date invio:





Occhio a non avere cambiato niente altro!!

A questo punto prendete,
il file del bios modificato biosmod.bin,
il file del bios della scheda madre non modificato mamma.bin (non si sa mai),
ed il file per aggiornare il bios asrflsah.exe (che trovate nell’archivio dell’ultimo bios scaricato dal sito asrock)
e mettete il tutto nel floppy d’avvio, per poi riavviare partendo dal floppy d’avvio ed aggiornare il bios col file bin modificato;

riavviando ancora, se tutto è andato bene vi dovrebbe comparire il menù del controller (nel quale si entra col tasto tab, se volete creare un raid, avendo quindi attaccato 2 HD, altrimenti non importa entrarci) .

Entrate comunque nel bios della scheda madre col tasto F2 (o canc in altre schede madri) per mettere il controller (che vi apparirà come BBS e qualcosa tra parentesi cioè, la sigla della periferica collegata) come periferica dalla quale partire se volete installarci il SO o, se lo avete già installato copiandolo dall’altro HD, per partire da quello copiato.
IMPORTANTE:

Vi consiglio vivamente, sia che vogliate installarci il Sistema Operativo, ma soprattutto se ci copiate il SO che avevate nell’altro hard-disk,
PRIMA del primo avvio (o dell’installazione) del SO installato nell’hd attaccato al controller nuovo,
di disattivare dal bios il controller EIDE integrato nella scheda madre (+ semplice che staccare fisicamente l’hd) al quale è collegato l’hard-disk vecchio col vecchio SO,
ad es. disattivando il canale pimario EIDE al quale presumo sia attaccato il vecchio HD, e lasciando attivo il secondario al quale suppongo avrete collegato il masterizzatore\lettore che può sempre servirvi per farci il boot,
questo xchè, se lasciate attaccato l’hd PATA sul controller EIDE col vecchio SO, questo continuerà ad avere la lettera C incasinandovi tutto.
In ogni caso, se in seguito volete tenervi il SO vecchio sul vecchio hard-disk, anche usando quello nell’hd attaccato al controller pci, è possibile che dobbiate usare un qualche software per le partizioni per, dal nuovo SO, rendere inattiva la partizione col vecchio so sul vecchio hard-disk per poi cambiargli lettera e renderla nuovamente attiva.


Per i meno esperti:
sapete che per installare XP o W2K sull’hd attaccato al controller dovete, appena inizia l’installazione, pigiare F6 quando xp lo chiede per inserirgli i driver sata, relativi al controller,
che avrete avuto cura di mettere su un floppy (nel mio caso è il viamraid.sys col file viamraid.inf relativo) ,
oppure dovete avere un cd di xp coi vari driver già inseriti nella cartella i386 e txtsetup.sif relativo modificato con l’aggiunta delle stringhe opportune prese dal file .inf o txtsetup.oem reativo al driver da installare.
C’è la guida di Comatrix su questo sito, nella parte n. 8 del dvd unattended, non il messaggio principale che è relativo ad inserire i driver nella cartella $oem$ e che serve *solo* per mettere i driver per win quando sarà installato, ma è il post dopo che qualcuno glielo chiede. Oppure, per qualcosa di + completo che spiega anche come rifare il CD, cercate la guida “Creating_a_Microsoft_Windows_XP_SP2_CD_with_Slipstreamed_SATA_and_or_RAID_Drivers” (di Michael Hollinger del 19\10\2004), l'ho uppata qui che all’epoca seguì.



Ah, quasi scordavo una considerazione: qualcuno potrebbe chiedersi perché mai comprare un controller e un HD SATA, facciamo da 500GB, (e i cavi) da mettere su una vecchia scheda madre, spendendo una cifra equivalente x comprare un HD USB 3,5 da 1 TB, oppure un HD EIDE.
Per quello che mi riguarda sono due i motivi:
1) prestazioni: gli HD sata di oggi hanno una velocità INTERNA di trasferimento quasi doppia rispetto ad un HD PATA del 2003 (parlo della copia\lettura\scrittura da una cartella ad un'altra nello stesso HD), questo è il test degli hd con Everest che ho fatto (il SO usato nel test era installato sul SATA, il primo è un HD pata da 120 del 2003, il secondo è un recente sata da 500gb) ,




poi non so quanto i PATA di oggi siano + veloci ma dubito che siano al livello dei sata.
2) Preferisco averlo interno rispetto all’USB perché, oltre che per prestazioni, ingombra meno.


Bye Bye



p.s.: nella vostra scheda madre evitate di usare lo slot pci che condivide l'irq con la scheda video (nella asrock k7s8x è lo slot pci 4 che infatti spesso dà problemi se usato)


[Edited by redribbon 2/11/2009 2:57 AM]

Ora è sparita anche la Rosa rossa, non si sa dov'è sepolta.
Siccome ai poveri ha detto la verità
I ricchi l'hanno spedita nell'al di là
(Bertolt Brecht commenta l'uccisione di Rosa Luxemburg)
2/11/2009 2:43 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 3,531
Maestro
Salve a tutti!

Aggiorno perchè mi è capitato di trovare un bios più recente per controller con chip via vt6421, che è il chip della scheda della hamlet da me presa,
sul sito della rosewill potete trovare il file
RC_212, RC-215- DOS flash utility and latest BIOS v5.2.zip
DOS flash utility & BIOS v5.2
in cui è contenuto il file 6421R520.rom che dunque potete utilizzare al posto di quello linkato precedentemente nella guida che corrisponde alla versione 4.31, OVVIAMENTE solo per schede con chipset via vt6421 .
In ogni caso l'ho pure uppato qui nel caso dovesse sparire
Che cosa cambia?
Bhe, è più nuovo e mi sono accorto che supporta il boot da lettori\masterizzatori dvd-cd,
mentre la versione 4.31 non supportava il boot da masterizzatori collegati,
o almeno, non ne sono sicurissimo che non bootavano perchè feci solo una prova iniziale attaccando un masterizzatore alla porta pata e non bootava mentre gli hd si,
mentre con la versione 5.2 ho notato che si può fare il boot acnhe con masterizzatori collegati.

Utile? A comodità di ognuno, se si hanno masterizzatori pata e si usa il controller su pc vecchi, allora è meglio usare il controller integrato della scheda madre attaccando direttamente alle porte pata i masterizzatori (ed anche gli hd) , se non altro per salvaguardare le prestazioni del controller (con più periferiche collegate si troverebbe a gestire un maggiore flusso di dati e tutto nel collo del bus pci) .
Lo diventa con un pc nuovo in cui non è presente l'attacco per periferiche pata, qualora uno abbia masterizzatori pata che desidera collegare, o forse anche volendo attaccare un masterizzatore sata ad un pc vecchio e volere che questo faccia il boot, anche se quest'ultima soluzione non l'ho provata, ma dovrebbe bootare come partone quelli pata.


"I padroni del governo degli Stati Uniti sono i capitalisti e gli industriali del paese"
"nella nuova america [...] la maggior parte degli uomini è schiava delle imprese"
Woodrow Wilson, ex-presidente USA

(citazioni prese da "Stati falliti" di Noam Chomsky)
4/29/2012 12:57 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 3,531
Maestro
Re:
redribbon, 29/04/2012 12.57:

Salve a tutti!

In ogni caso l'ho pure uppato qui nel caso dovesse sparire




Siccome fanno come gli pare e segano gli spazi web free tranquillamente, non avendo più lo spazio web su fortunecity ho rimesso qui il bios 5.2

casomai tagliassero anche lycos,
qua invece ho rimesso amibcp v7
e qua ho rimesso la guida su come integrare i drivers sata

Confermo, sia perchè me lo hanno riferito alcuni utenti che hanno aggiunto il bios del controller a quello della scheda madre, resuscitando pc vecchiotti che sono così diventati ottimi "secondi" pc,
e sia perchè ho provato personalmente su altre schede madri anche con bios phoenix - award usando cbrom,
che l'aggiunta è da farsi ogni qualvolta si voglia partire da un controller pci mancante delle referenze necessarie nel bios della scheda madre;
e che, in generale, funziona egregiamente.
Tra l'altro, la procedura è la stessa qualora si voglia aggiornare il bios di un controller integrato nella scheda madre, non scendo in dettagli perchè vedo che in rete ci sono diverse guide al riguardo, ad es.
qui e qui

Aggiungo una cosa che non ho detto nella guida dandola per scontata: ricordarsi, quando si attacca un hd sata II ad un controller pci sata 1, di mettere il jumper dietro l'hd su "limit transfer to 150mb\s"
come spiegati qui nei wd,
e qui nei seagate.


"I padroni del governo degli Stati Uniti sono i capitalisti e gli industriali del paese"
"nella nuova america [...] la maggior parte degli uomini è schiava delle imprese"
Woodrow Wilson, ex-presidente USA

(citazioni prese da "Stati falliti" di Noam Chomsky)
5/26/2012 10:52 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 721
Utente Senior
grazie amicone, sei sempre così preciso e utile lol

5/27/2012 12:31 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4
Utente Junior
Salve redribbon. Seguendo anche le tue ottime indicazioni sono riuscito a modificare il bios della mia scheda madre (Chaintech 7vjda) integrando in esso il rom 6421r520.rom del chipset vt6421a. Installata sul pc la scheda pci provista di tale controller, ora nel bios ho la possibilità, premendo Ctrl+z in un brevissimo lasso di tempo, di accedere al bios di tale scheda.
Il problema però è che, anche agendo nel suddetto bios, tale scheda mi rimane non bootabile, nel senso che se ci collego un hd (ide) che precedentemente faceva partire windows xp sp3 se collegato al canale hdd ide 0 della stessa motherboard, il pc si blocca anche se come opzione di boot al primo posto dò lo SCSI: mi dà disk failure...Ovviamente avevo anche precedentemente provveduto ad installare su tale hd il softare del raid controller via.
Nel bios non ho disattivato il controller eide della scheda madre (come da tuo suggerimento), ma comunque sul canale hdd 0 della mobo, nel momento in cui cercavo di far partire il pc dall'hd collegato al controller, non c'era collegato alcunchè.
Mi domando allora se è vero, come sostengono alcuni, che le schede pci controller provviste di tale chipset via vt6421a si possono distinguere due categorie: una con bios bootabile e l'altra con bios non bootabile, e quindi - se fosse vero ciò - io allora sarei sfortunatamente entrato in possesso di una scheda del secondo gruppo. Grazie.
[Edited by marodda 6/28/2012 11:00 AM]
6/28/2012 10:51 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 3,531
Maestro
Re:
Ciao, vedo solo ora il tuo post.

marodda, 28/06/2012 10.51:


Mi domando allora se è vero, come sostengono alcuni, che le schede pci controller provviste di tale chipset via vt6421a si possono distinguere due categorie: una con bios bootabile e l'altra con bios non bootabile, e quindi - se fosse vero ciò - io allora sarei sfortunatamente entrato in possesso di una scheda del secondo gruppo. Grazie.




No, penso sia una fesseria: il bios che le fa partire è già integrato nella scheda madre dal momento che hai fatto la modifica,
Da quel momento tutte devono bootare.
Non credo che abbiano un loro bios sopra, ed in ogni caso, sarebbe prima ignorato (senza fare la modifica) , e poi bypassato da quello che hai integrato nella scheda madre.


Semmai il tuo problema, con ogni probabilità, risiede nella scheda madre.

La tua scheda madre ha la possibilità di un menù di boot "al volo"? Cioè, quando parte hai la possibilità di pigiare un tasto (per es. f11) che ti restituisce il menù di boot
hd
cdrom
floppy
senza entrare nel bios?
Se si prova a cercare in questo l'hard-disk che hai collegato.

Se no, devi cercare nel bios della tua scheda madre quali sono le opzioni di boot,
oltre a quelle che ti restituisce in
first boot device
second boot device
cerca se c'è una voce tipo in "advanced bios features" o in altro posto
dove puoi scegliere\cambiare qualcosa di simile a "add on cards" ,
oppure, cerca anche se c'è una voce tipo "hdd priority" dove ti fa scegliere quale hd deve essere messo come principale.

Se non trovi neanche questa resta l'ultima prova:
fai una partizione in fondo all'hard-disk,
nascondi le precedenti partizioni, ed attiva la partizione che hai creato,
stacca le periferiche o disattiva dal bios il controller integrato nella scheda madre con le relative periferiche, salvo il canale master del cd\dvd,
ma qui potresti anche pensare di attaccare il cd\dvd direttamente al controller, meglio, così disattivi definitivamente quello integrato nella scheda madre,
assicurati di avere messo nel bios su yes la voce "try other boot device" (se c'è) ,
prova a fare partire l'installazione di xp,
chiaramente devi avere un cd di XP coi drivers sata integrati (anche se hai attaccato un hd eide) ,
vedi se ti fa vedere l'hard-disk collegato ed eventualmente prova ad installarci xp, per vedere se dopo riavvio la scheda madre fa partire l'hd collegato alla scheda pci (ovviamente setta nel bios come periferica di boot predefinita quella che sarebbe più appropriata per il boot della schedina, quindi scsi se proprio non trovi altro) .
Comunque, su hard-disk pata collegato al controller, non ho molta esperienza, non ci ho mai installato xp od un SO per intendersi, che ho installato solo su hard-disk sata collegato: ormai chi lo usa più l'hard-disk pata?
Per quello che ne so potrebbe anche dare qualche problema in fase di installazione.


Se non parte neanche così mi sa che è colpa della scheda madre, prova a cercare in tutte le sottovoci del bios qualcosa relativa al boot.

In ogni caso il guadagno si ha usando un hd sata, attaccarci un hd eide pata non ha molto senso,
e se proprio la scheda madre non ti indirizza l'hd pata collegato al controller puoi sempre lasciarlo attaccato al controller della scheda madre.
[Edited by redribbon 7/29/2012 5:17 PM]

"I padroni del governo degli Stati Uniti sono i capitalisti e gli industriali del paese"
"nella nuova america [...] la maggior parte degli uomini è schiava delle imprese"
Woodrow Wilson, ex-presidente USA

(citazioni prese da "Stati falliti" di Noam Chomsky)
7/29/2012 5:01 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4
Utente Junior
Salve redribbon, grazie per la risposta.
Mi faccio vivo solo ora perchè ero fuori in vacanza.
Nel frattempo chi mi ha fornito la scheda pci hd controller mi ha sostituito quella precedente con un'altra a suo dire bootable, per cui bisogna fare i conti con quest'ultima. Anzitutto in fase di set up del bios non mi comapre nessuna caratteristica avanzata di quella che tu hai citato (la scheda madre è molto vecchia) nè ho la possibilità,pigiando f11 o altro, di andare in una veloce opzione di boot.
Mettendo comunque il disco scsi come prima opzione di boot, nel bios setup completo, ora non mi compare più l'opzione ctrl+z per entrare nel bios del controller, ma invece devo premere il tasto TAB.
Se faccio ciò, mi compare il mio disco ide in paralel master correttamente riconosciuto, questo avviso: "the number of disks is not adequate to create a RAID!!!"
e comunque il pc non mi parte dell'hd, anche se questo, collegandolo direttamente ala scheda madre e modificando le opzioni di boot, me lo fa partire.
Ho qualche speranza?
Garzie
8/11/2012 11:15 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4
Utente Junior
Problema risolto.
La scheda pci controller con chipset VIA VT6421A fornitami (quella definita in versione bootable e marchiata Pluscom) NON consente l'avvio del pc da un disco ata (o pata) ad esso collegato bensì lo consente da un sata ad essa connesso (e ciò è anche meglio!!). Ovviamente questo dopo aver integrato il bios del controller in quello della scheda madre (come da tue ottime indicazioni) ed aver impostato nel bios setup il disco scsi come prima opzione di boot.
Ciao
[Edited by marodda 8/14/2012 3:42 PM]
8/14/2012 3:41 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 3,531
Maestro
Re:
marodda, 14/08/2012 15.41:

Problema risolto.
La scheda pci controller con chipset VIA VT6421A fornitami (quella definita in versione bootable e marchiata Pluscom) NON consente l'avvio del pc da un disco ata (o pata) ad esso collegato bensì lo consente da un sata ad essa connesso (e ciò è anche meglio!!). Ovviamente questo dopo aver integrato il bios del controller in quello della scheda madre (come da tue ottime indicazioni) ed aver impostato nel bios setup il disco scsi come prima opzione di boot.
Ciao




Utile a sapersi perchè ho sempre pensato che l'integrazione del bios nella scheda madre bypassasse un eventuale bios presente sulla schedina cioè,
pensavo che un eventuale comando del bios integrato nella scheda madre fosse immediatamente esecutivo senza che venisse rielaborato dalla schedina stessa.

Un esempio: ho avuto una abit an7 (che poi si è guastata) con controller sata 150 mb\s Silicon Image 3112r integrato,
alla quale avevo aggiornato il bios del controller,
e, non contento, ci avevo pure aggiunto il bios della schedina Hamlet via6421a ed installata la schedina stessa su uno slot pci.
Nel bios della scheda madre c'era una voce che consentiva di scegliere se avviare dal controller sata integrato o da una periferica pci.
Con un hd sata (il cui so aveva installati i driver della schedina via6421a) potevo tranquillamente attaccarlo o al controller sata integrato nella scheda madre o al controller della schedina su pci,
e potevo scegliere da dove partire impostando la relativa voce nel bios (mi pare fosse sotto integrated peripherals) , fin qui tutto ok.
Quando però provai a lasciare l'hd sata attaccato al controller integrato nella scheda madre, e ad attaccare un hd pata (solo a scopo di qualche veloce test) alla porta pata sulla schedina PCI, ebbene,
dalla schedina PCI l'hd pata non partiva, o comunque rompeva di molto le scatole,
eppure la schedina era\è capace di farlo partire (con la schedina sulla asrock l'hd pata partiva senza problemi) .
Ora non ricordo bene (anche perchè mi interessava relativamente poco) , ma mi sembra di ricordare che staccando l'hd sata dal controller integrato sulla scheda madre, ed avendoci l'hd pata attaccato al controller su PCI, questo partiva regolarmente!! Se ricordo bene, indicherebbe che era la scheda madre ad interferire nel processo di boot,
tant'è che nella asrock K7S8X, pure essendo questa di moolto inferiore come caratteristiche tecniche ad una abit an7 (all'epoca 35€ contro un centinaio) , il bios consente di scegliere specificatamente quale periferica avviare cioè, se su un ipotetico controller PCI si attacca un sata ed un pata, con l'asrock,
dopo avere fatto l'aggiunta al bios (tra l'altro mi pare una sola, perchè il bios della asrock non ha molta memoria essendo componentistica economica),
si può scegliere esattamente quale fare partire, se il sata od il pata collegati al controller o anche un altra periferica attaccata al controller eide nativo,
mentre, sulla abit an7 questo non era possibile, è vero che c'era una voce nel bios (hard-disk boot priority) che ti faceva scegliere quale
hard disk far partire, ma non mi pare proprio che rendesse l'elenco degli hd attaccati al controller pci, bensì quelli attaccati ai controller integrati, nonchè quelli usb (perchè con l'abit an7 si poteva fare il boot da usb, mentre con l'asrock no, anche se in teoria dovrebbe farlo la mia asrock non ha mai fatto il boot da usb, e comunque, anche dalla abit che lo fa, le periferiche attaccate caricavano molto lentamente rispetto ad un pc odierno che boota da usb) ,
ed in ogni caso, avendoci ipoteticamente attaccati due masterizzatori pata al controller PCI (e basta) no risultava possibile scegliere quale avviare, mentre con la *misera* asrock è possibile (ora che ci penso non ci ho mai provato ma dovrebbe essere possibile) .


Se le cose stanno come dici allora non puoi neanche fare il boot con un masterizzatore pata attaccato al controller, suppongo.



Comunque grazie per avere riportato la tua esperienza che può senz'altro essere utile a qualcuno


"I padroni del governo degli Stati Uniti sono i capitalisti e gli industriali del paese"
"nella nuova america [...] la maggior parte degli uomini è schiava delle imprese"
Woodrow Wilson, ex-presidente USA

(citazioni prese da "Stati falliti" di Noam Chomsky)
8/22/2012 1:34 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4
Utente Junior
Ciao redribbon, mi chiedevo se tu potessi integrare la tua ottima guida anche nel caso di integrazione del bios vt6421a in schede madri con bios award, visto che all'inizio hai dato le indicazioni dettagliate relativamente all'uso dell'amibcp.
In realtà per il mio caso avevo usato una relativa guida passo-passo in inglese, ma ora non la trovo più...
[Edited by marodda 9/17/2012 11:14 PM]
9/17/2012 11:04 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 3,531
Maestro
Re:
marodda, 17/09/2012 23:04:

Ciao redribbon, mi chiedevo se tu potessi integrare la tua ottima guida anche nel caso di integrazione del bios vt6421a in schede madri con bios award, visto che all'inizio hai dato le indicazioni dettagliate relativamente all'uso dell'amibcp.




Ho messo quella perchè non si trovava in italiano, ed anche in inglese non era facile trovarla,
ma con cbrom è semplice:
si può usare (credo) una qualsiasi versione di cbrom, si può fare da win col prompt dei comandi,
e come aveva linkato sopra, ci sono già in rete delle buone guide in italiano a cui non saprei cosa aggiungere, vedi questa dell'amico dell'uomo tigre :) .


"I padroni del governo degli Stati Uniti sono i capitalisti e gli industriali del paese"
"nella nuova america [...] la maggior parte degli uomini è schiava delle imprese"
Woodrow Wilson, ex-presidente USA

(citazioni prese da "Stati falliti" di Noam Chomsky)
10/21/2012 8:42 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 1:08 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com

TopPiste ciclabili milano

aessenet.eu